News ed Eventi

14 dicembre 2007 Vite: novemila ettari difesi dagli insetti con la confusione sessuale

Mercoledì 19 dicembre, a Mezzocorona, un seminario sull'evoluzione tecnico-economica dell'applicazione del metodo della 'confusione sessuale' nella viticoltura trentina

Vite: novemila ettari difesi dagli insetti con la confusione sessuale
Il Trentino è la zona viticola italiana dove è maggiore il ricorso a questa tecnica rispettosa dell'ambiente, della salute degli operatori e dei consumatori: sono circa novemila gli ettari di vigneto difesi con il metodo della confusione sessuale, vale a dire il 90% della superficie totale. In nessun'altra zona viticola d'Italia si fa un uso così massiccio di questa tecnica di difesa rispettosa dell'ambiente, della salute degli operatori e dei consumatori, in quanto alternativa ai comuni insetticidi di sintesi e come tale ammessa anche in agricoltura biologica.
Le prime esperienze di confusione sessuale contro le tignole della vite in Trentino risalgono al 1991 e hanno inizialmente interessato 14 ettari di vite a Mezzocorona. Da allora grazie al costante supporto tecnico dell'Istituto Agrario di San Michele la superficie si è progressivamente espansa, fino a raggiungere da qualche anno la quasi totalità dell'intero vigneto trentino.
Per parlare di questo importante argomento e confrontarsi con ricercatori e tecnici che si occupano di questa tecnica, l'Istituto Agrario di San Michele in collaborazione con Mezzacorona sca ha organizzato per mercoledì 19 dicembre, ad ore 9.00, presso il PalaRotari di Mezzocorona, un incontro tecnico di aggiornamento rivolto a tecnici e viticoltori.
La confusione sessuale è una tecnica di controllo di alcuni insetti mediante la distribuzione di sostanze odorose (feromoni) che confondono il maschio e gli impediscono di individuare la femmina per l'accoppiamento. Le sostanze emesse da appositi diffusori sono infatti simili a quelle secrete naturalmente dalle femmine per attirare i maschi e consentire la riproduzione. In pratica si tratta di una tecnica di difesa alternativa ai comuni insetticidi di sintesi e come tale ammessa anche in agricoltura biologica.

Programma:
Ore 9.00: Apertura dei lavori.
Ore 9.15: Evoluzione tecnico-economica dell'applicazione del metodo della 'confusione sessuale' nella viticoltura trentina. Relatore:  Enzo Mescalchin – Responsabile Ufficio Viticoltura del Centro per l'Assistenza Tecnica Iasma
Ore 9.45: Tignole e metodo della 'confusione sessuale':  esperienze in Germania. Relatore: dott.ssa Wegner-Kiss Gertrud – Staatliches Weinbauinstitut Freiburg (D).
Ore 10.45: pausa
Ore 11.00: Applicazione del metodo della 'confusione sessuale' e dinamica di popolazione delle due specie di tignola nella Piana Rotaliana (TN). Relatori: Mauro Varner (Mezzacorona Sca) e Luisa Mattedi (Centro Sperimentale - Dipartimento protezione delle piante - Iasma)
Ore 11.30: Possibilità di applicazione del metodo della 'confusione sessuale' in realtà di piccole dimensioni: l'esperienza della Cantina Toblino. Relatore: Marino Gobber (Ufficio Viticoltura del Centro per l'Assistenza Tecnica Iasma) e Luisa Mattedi (Centro Sperimentale - Dipartimento protezione delle piante – Iasma)